Martedì 19 maggio 2020 è stato registrato un vero e proprio scossone nel mondo dell’e-commerce.


Il motivo?Ve lo spieghiamo subito.


Mark Zuckerberg, fondatore e direttore esecutivo di Facebook, ha annunciato Shops, una nuova funzione che permette ai negozi e alle aziende di vendere facilmente online in maniera gratuita.
Prima di analizzare i risvolti di questa importante novità, proviamo a fare un po’ di chiarezza su questo nuovo strumento.

Che cos’è Shops?
Shops è uno spazio online che viene messo gratuitamente a disposizione degli esercizi commerciali di ogni genere.

Su quali piattaforme potrà essere utilizzato Shops?
Questo nuovo tool potrà essere utilizzato su Facebook, Instagram ma anche sulle altre piattaforme del gruppo di Menlo Park ovvero Messenger e WhatsApp.

Come funzionerà in concreto?
Tramite Shops qualunque attività commerciale potrà creare gratuitamente delle vetrine virtuali con la descrizione del proprio business e soprattutto con il catalogo dei prodotti, le offerte, gli sconti e le promozioni.
D’altro canto gli utenti, tramite un processo piuttosto semplice e diretto,  potranno visualizzare i prodotti, eventualmente salvarli in wishlist e fare un ordine d’acquisto. Quest’ultimo poi potrà essere completato sul sito web del negozio, salvo che non si tratti di un’azienda che utilizza la la funzione di pagamento in-app di Facebook e Instagram.
Inoltre, proprio come all’interno di un negozio fisico, si potrà interagire con il negoziante, avviando una conversazione tramite i servizi di messaggistica come Messenger, Instagram Direct e WhatsApp.
Nei prossimi mesi, Shops sarà accessibile tramite uno specifico tasto presente sulla pagina iniziale dell’app prescelta per effettuare gli acquisti.


Facebook Shops (foto: Facebook)

Perchè Shops è una novità importante?
Con la creazione di  Shops, l’amministratore delegato di Facebook Inc., Mark Zuckerberg ha reso pubblica l’intenzione di farsi spazio all’interno del mercato dei servizi di e-commerce come Amazon, eBay e Alibaba, che da anni offrono a pagamento la loro piattaforma ad altri rivenditori.
Zuckerberg ha aggiunto anche che la sua azienda stava lavorando da tempo a questo progetto e che a causa della pandemia originata dal virus Covid-19, ha deciso di accelerare i tempi per dare manforte a tutte le attività commerciali in crisi, che dal servizio di e-commerce potrebbero trarre grande giovamento rilanciando la propria attività online.

Cosa comporta l’arrivo di Shops nel mondo dell'e-commerce?
In conclusione appare difficile stimare ora quale sarà l’impatto economico che Shops avrà nel mercato mondiale dell’e-commerce.
Si possono però fare alcune considerazioni preliminari:

  • Shops verrà ospitato su piattaforme online (Facebook, Instagram, WhatsApp, Messenger) che l’utente conosce ed utilizza già, pertanto sarà maggiormente propenso a fidarsi e ad acquistare;
  • il processo di acquisto sarà probabilmente molto breve, diretto e veloce grazie ai metodi di pagamento già salvati sulla piattaforma e grazie alla possibilità di sfruttare una strategia di marketing cross-channel. Facciamo un piccolo esempio per semplificare:
  1.  l’utente scopre un brand interessante su Instagram
  2. approfondisce la conoscenza dei prodotti di quel brand su Facebook
  3. chiede maggiori informazioni avviando una conversazione tramite WhatsApp
  4. acquista il prodotto tramite Shops su Messenger;
  • la platea di potenziali utenti del servizio è data da tutti gli utilizzatori di Facebook, Instagram, WhatsApp, Messenger:parliamo di un numero che si aggira attorno ai tre miliardi di persone!
  • Shops potrà contare su un servizio di advertising iper collaudato (quello di Facebook Ads) basato su un enorme quantitativo di dati.