Cos’è il Neuromarketing?

Il Neuromarketing è un campo del marketing che si avvale dell’applicazione delle neuroscienze come la risonanza magnetica funzionale (fMRI) per studiare le risposte del cervello agli stimoli del marketing. 

Il neuromarketing è la fusione tra neuroscienza e marketing.

I ricercatori usano la risonanza magnetica per misurare i cambiamenti di attività in alcune parti del cervello, per capire perché i consumatori prendono determinate decisioni e quale parte del cervello dice loro di farlo.

Il neuromarketing utilizza quindi le neuroscienze per elaborare sofisticate strategie di comunicazione aziendale.

Questa branca del marketing ottimizza l’approccio tradizionale attraverso l’utilizzo di specifici strumenti al fine di analizzare le risposte cerebrali ad un determinato prodotto, servizio, packaging ed altro. 

Il 70% dei consumatori che si sentono emotivamente connessi a un brand spendono il doppio in acquisti e oltre l'80% di questo gruppo raccomanderà i loro marchi preferiti ad amici e parenti; ecco perché è essenziale coinvolgere i clienti a livello emotivo.

Oggi siamo oberati di stimoli ed informazioni e la nostra soglia di attenzione si abbassa sempre più. 
Il neuromarketing aiuta a migliorare le attività di marketing e le campagne perchè conosce il cervello umano e il suo funzionamento

Neuromarketing tips: 4 consigli per le tue strategie di marketing

Il neuromarketing viene ampiamente utilizzato dalle  grandi multinazionali quali ad esempio Coca-Cola, Google, Ferrero, Barilla, Microsoft, Apple, McDonald.

Perchè non applicarlo anche alle tue strategie di marketing? 
Ecco 4 facili consigli per interagire questa tecnica:

  1. Lavora sull'immagine inconscia del tuo marchio
    I tuoi clienti elaborano contenuti pubblicitari, anche se non stanno cercando un prodotto da acquistare. E’ utile quindi incorporare elementi specifici del marchio (come logo, colori distintivi dell’azienda o hashtag) in ogni risorsa e su ogni canale, online o offline.
     
  2. Trasforma le immagini in un invito all'azione (CTA)
    Con così tanti contenuti disponibili online, è sempre più difficile catturare l'attenzione degli utenti. Non lasciare che le tue Call To Action vadano perse tra muri di parole e altri elementi. Sfrutta per esempio i banner con pulsanti cliccabili e le immagini per attirare l’attenzione sulla CTA.
     
  3. Sfrutta il “senso di urgenza”
    Questo suggerimento di neuromarketing è particolarmente utile se hai un e-commerce o proponi servizi online. Condividi messaggi mirati tramite e-mail, notifiche push o persino SMS, menzionando sconti a tempo limitato, offerte esclusive ed eventi imminenti. Ciò creerà un senso di urgenza tra i tuoi clienti.
     
  4. Utilizza il "bias di conferma"
    Il “bias di conferma” è un processo mentale che consiste nel ricercare, selezionare e interpretare informazioni in modo da porre maggiore attenzione a quelle che confermano le nostre convinzioni, e viceversa, ignorare o sminuire informazioni che le contraddicono.
    Ciò significa che i tuoi clienti si avvicinano al marchio con una serie specifica di nozioni e aspettative sui tuoi prodotti o servizi, che devi solo confermare per garantire la conversione.
    Invia e-mail interattive che sollecitino per esempio feedback e risposte a sondaggi per misurare le esigenze qualitative dei clienti.

neuromarketing infografica

Scarica il pdf
"Neuromarketing tips: 4 consigli per le tue strategie di marketing"